Festa della Donna e solidarietà di Su Nuraghe

BIELLA – Sabato 10 marzo, alle ore 21, nei saloni della Biblioteca del Circolo Culturale Sardo Su Nuraghe di Biella è stata celebrata la ricorrenza della Festa della Donna con l’inaugurazione della mostra: “Feminas, un semidio androgino nella Sartiglia di Oristano”, immagini che ritraggono alcuni momenti dell’antica “corsa alla stella”.

L’obiettivo della macchina fotografica si sofferma sulle “massajeddas”, le giovani nubili che con le loro mani trasformano “su componidori” in un semidio, figura androgina col compito di unire la terra e il cielo per propiziare positività per uomini, animali e colture.
Mostra aperta fino al 30 giugno, ingresso libero (martedì, venerdì e sabato ore 21-23)

Al saluto del presidente Battista Saiu, ha fatto eco l’Assessore delle Politiche Sociali della Città di Biella Nicoletta Favero che, nel portare il saluto del Sindaco Vittorio Barazzotto, ha sottolineato l’importanza di Associazioni come Su Nuraghe che nel loro operare sono modello ed esempio anche per il ruolo paritario riservato alle donne.
Immancabile la tradizionale grande torta a forma di Sardegna, realizzata dalla Pasticceria Brusa di Biella, ammirata e gustata dai presenti.
Gli amici dell’Angolo del Fiore di Biella hanno regalato le mimose offerte a tutte le donne di Su Nuraghe.

Il prossimo appuntamento è domenica 18 marzo (ore 12,30), per il tradizionale pranzo di beneficenza in favore dell’ANFFAS Gaglianico.
Nell’occasione i migliori “spiedi di Su Nuraghe” prepareranno i gustosissimi maialini arrosto, specialità isolana che caratterizza il pranzo della festa.
Sarà una nuova opportunità per attraversare la soglia di un universo parallelo di sofferenza a cui la comunità sarda di Biella è sempre stata attenta e sensibile.

Battista Saiu

Questa voce è stata pubblicata in L'altra Sardegna. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento