I missionari di Villaregia ci scrivono…

Carissimi P. Quintino e Comunità Parrocchiali di Pozzomaggiore e Semestene,
siamo rientrati dalle vostre rispettive parrocchie, dopo la settimana missionaria, con cuore riconoscente a Dio, e a ciascuno di voi, che ci avete accolti in modo semplice e fraterno. Siamo stati bene insieme.
Abbiamo contemplato la bellezza del panorama che circonda i vostri paesi, ricchi di spiritualità. È facile pensare a Edvige Carboni, al Centro Mariano, alle belle chiesette e alla fede semplice e profonda delle persone!
Un grazie speciale a P. Quintino, al Sig. Sindaco e alla sua Giunta, insieme a tutte le persone che hanno partecipato al pranzo comunitario, preparato con tanta cura per rendere ancora più bella la festa.
Ci sembra di avere cercato insieme il Signore e di avere amato l’uomo, soprattutto i più poveri della missione.
Portiamo vivo il ricordo dell’incontro con i giovanissimi, desiderosi di impegnarsi nel voler fare qualcosa per gli altri e dei vari momenti celebrativi, soprattutto la novena del Natale con la partecipazione gioiosa e simpatica dei ragazzi.
La scuola, luogo speciale dell’incontro con i bambini. i ragazzi e i giovani, è stata ancora un momento forte per approfondire un dialogo con il mondo, con le problematiche che avvolgono la vita dei poveri.
Nei vari Centri d’ascolto abbiamo percepito una grande sete della Parola di Dio ed un desiderio profondo di conoscere la realtà missionaria. È stata una porta che si è dischiusa per farci entrare e rivelarci la bontà del cuore di ciascuno.
Ringraziamo Dio per la vita degli ammalati e degli anziani. La loro testimonianza ci edifica, ci tonifica e rincuora nelle scelte di vita. Sulla loro sofferenza, offerta e vissuta per amore, si costruisce il Regno di Dio che avanza.
Continuiamo a rimanere uniti per costruire la famiglia di Dio generata dalla comunione.
Le porte di casa sono sempre aperte per accogliervi. Grazie.
Un abbraccio fraterno.

I Missionari della Comunità Missionaria di Villaregia
P. Kleber – Maria Celeste – Norma Teresa

Questa voce è stata pubblicata in Chiesa. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento