Un ulivo, quale augurio di un futuro ricco di serenità e pace, crescerà insieme ai bambini nati nel 2010

Il 19 marzo, Festa del Papà, in una gioiosa giornata riscaldata dal primo sole primaverile, si è svolta la consueta cerimonia di piantumazione di un albero per ogni bambino nato nel 2010.
Si sono dati appuntamento, accompagnati dagli orgogliosi genitori, dai nonni e dai fratelli maggiori, presso la sala consiliare, i piccoli: Arianna Calaresu, Michela Calaresu, Valentina Casule, Maria Pina Cau, Emanuele Corongiu, Lorenzo Cossu, Rebecca Cuccuru, Giuseppe Devino, Hiba El Abbi, Anna Madeddu, Giada Manai, Alessia Manca, Cristian Manca, Gaia Nuvoli, Daniele Oppes, Federico Raimondo Oppes, Alberto Piga, Francesca Pilatu, Bernardetta Piu, Francesca Rosas, Michela Rosas, Marco Soro, Sofia Soro, Gloria Usai, Giuseppe Usai, Veronica Vacca.
Madrina della cerimonia la dott.ssa Luisa Iervolino, ginecologa, che probabilmente ha fatto nascere la gran parte dei bambini festeggiati.
Il sindaco in apertura ha chiesto ai presenti un momento di raccoglimento per amplificare nella sala l’inno nazionale, quindi ha consegnato a ciascuna famiglia la bandiera italiana, raccomandando di custodirla in casa nel posto più importante, invitandoli ad educare i figli al rispetto per il tricolore, onorarlo e difenderlo sempre.
Ha quindi sollecitato i genitori ad essere premurosi, severi, di far crescere i figli rispettosi, studenti modello, orgoglio per loro stessi, soddisfazione per gli insegnanti, veri amici dei loro compagni, degni cittadini del domani, morigerata futura classe dirigente.
Infine ha augurato ai bambini di poter conoscere i figli dei figli dei loro figli, e di ritrovarsi tutti e 26 il 19 marzo 2111 sotto quegli alberi cresciuti rigogliosi grazie alle loro cure, anche col bastone e le dentiere traballanti.
E’ seguito l’intervento di padre Quintino, che ha sollecitato i genitori ad essere tali con coraggio e determinazione.
In conclusione il sindaco, assistito dall’assessore Gabriella Santona e dalla madrina, ha consegnato le pergamene con la copia dell’atto di nascita, il verbale di piantumazione e regalato un buono fruttifero postale per invogliare al risparmio.
Poi tutti festosamente insieme a Cae, dove dietro la consulenza degli agenti della forestale di Bonorva, sempre presenti, e la collaborazione di Tottoi Mannu, si è proceduto alla piantumazione degli alberi di ulivo, pianta della pace.
L’augurio di una lunga vita, serena, piena di ogni bene di Dio, ha chiuso la manifestazione.

Atteros annos cun saludu trigu e laore.

(a cura dell’Amministrazione comunale)

Questa voce è stata pubblicata in Vita paesana. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento