Sa Die de Sa Sardigna

L’Assessorato Regionale alla Pubblica Istruzione, per disposizione specifica dell’Assessore Avv. Sergio Milia, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e con i componenti del sempre attivo Comitato di San Costantino, nel programma dei festeggiamenti per celebrare “Sa Die de Sa Sardigna”, ha individuato in Pozzomaggiore uno dei comuni dove tenere manifestazioni a ricordo della ricorrenza, con la quale si vuole commemorare la sommossa dei vespri sardi del 28 aprile 1794, che costrinse alla fuga da Cagliari il ViceRe, in seguito al rifiuto di soddisfare le richieste del Regno di Sardegna per assegnare ai sardi le cariche pubbliche. Rientrata la rivolta, alcune richieste saranno accolte nel 1796.
Il programma, interamente finanziato dalla Regione, si svolgerà sabato 25 maggio, in due tempi: alle ore 18:30, presso la biblioteca comunale, il nostro concittadino Alexandre Corongiu terrà un concerto al pianoforte di musiche da film, con proiezione di filmati da parte del registra Gianni Tetti. Alle 21:00, nell’anfiteatro di San Costantino, si alterneranno sul palco il “Coro di Pozzomaggiore”, che introdurrà la serata cantando la famosissima Procurade ‘e Moderare, l’artista Piero Marras, i gruppi “Tre Sardi” e “Dieci Ragazze”, i “Tenores di Neoneli” e i bravissimi componenti del “Cuncordu Planu de Murtas” di Pozzomaggiore.
Il Comitato di San Costantino, per l’occasione, gestirà dei punti di ristoro il cui ricavato andrà a finanziare la prossima festa del 6 e 7 luglio, che quest’anno coincide con i 1700 anni dell’emanazione dell’Edito di Milano, per cui sono previste solenni celebrazioni.

Tonino Pischedda

Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Vita paesana. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento