Vita oratoriana – Gennaio 2016

In questo mese di Dicembre la vita oratoriana non ha avuto particolari momenti in quanto siamo stati tutti impegnati nella preparazione al Santo Natale, sia a livello materiale, preparando l’albero di Natale e un piccolo presepe, ma soprattutto a livello spirituale. Infatti siamo stati coinvolti nella partecipazione alla Novena in tutti i nove giorni. E’ stato molto bello ritrovarci assieme, grandi e piccoli, e respirare quel clima particolare che solo la Novena del Natale sa dare. Abbiamo potuto soprattutto riflettere sui diritti dei bambini, quali: diritto al cibo, all’acqua, allo studio, alla cittadinanza, all’istruzione, alla salute, al tempo libero e al gioco. E come, purtroppo, in tanti posti questi diritti non possono essere esercitati per vari motivi. Questo ci ha fatto capire come solo il Vangelo di Gesù ci libera veramente da tante oppressioni e da tante ingiustizie, e noi ci riteniamo veramente fortunati, e dobbiamo saper sempre ringraziare il Signore di quanto ci ha concesso contrariamente a tanti altri bambini. Queste riflessioni ci hanno spinto a compiere un atto di solidarietà molto concreto: ci siamo impegnati a sostenere i lavori di ristrutturazione della scuola elementare di Sanipoondi, un villaggio di circa 1000 abitanti nello stato del Tamil Nanu, nel sud-est dell’India. Tramite padre Esron abbiamo inviato 3000 euro a padre J.W. Santhiyagu, suo confratello e missionario nella parrocchia di st. Antonio, che ha in gestione la scuola. La gente del villaggio è molto povera e l’istruzione è arrivata lì solo 15 anni fa. L’edificio scolastico è oggi gravemente rovinato, tant’è che vi piove all’interno.
Vogliamo aiutare i ragazzi come noi ad avere una scuola un po’ più accogliente, perché possano avere il diritto alla istruzione, diritto fondamentale per la crescita umana e sociale. Abbiamo messo i nostri soldini con generosità ed entusiasmo con la consapevolezza di fare veramente un’opera tanto necessaria a questi nostri fratelli meno fortunati di noi.

Questa voce è stata pubblicata in Chiesa. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento