Impressioni di un viaggio

Per una settimana, dal 24 Aprile al 1°Maggio, un gruppo di Pozzomaggiore, e non solo, si è recato in Puglia per un gradevole tour, sotto l’infaticabile e insostituibile guida del nostro sacerdote Padre Quintino. Ad accompagnarci nel lungo viaggio (circa 2000 Km) il pullman della ditta Pala Viaggi, condotto dal giovane, attento e responsabile autista Costantino Mannu, del quale abbiamo avuto modo di apprezzare la sua professionalità e disponibilità. La scelta della Puglia come meta del viaggio è stata pensata da Padre Quintino allo scopo di condurci al luogo di culto per eccellenza del Santo di Pietrelcina, permettendoci di visitare e godere di altre meraviglie della nostra Italia, favoriti da un tempo splendido che ci ha accompagnati per tutto il soggiorno. Dopo l’arrivo a Civitavecchia la mattina del 25, la prima tappa è stata Cerignola dove abbiamo consumato un pranzo eccellente, il primo di tanti altri, in uno splendido agriturismo. Il pomeriggio siamo stati nella Città di Trani, dove abbiamo avuto modo di visitare il castello e la bellissima cattedrale che è praticamente costruita sul mare. Il secondo giorno del tour siamo stati a visitare le grotte di Castellana, considerate il complesso speleologico più importante d’Italia e d’Europa, le cui stallatiti e stalagmiti danno forma a diverse figure sia umane che animali. Abbiamo poi visitato uno dei borghi più caratteristici d’Italia, il paese di Alberobello, la cui particolarità è determinata da una tipologia di abitazione denominata “trullo”; la cittadina è suddivisa in due rioni: Rione Monti composto da 1000 trulli e Aia Piccola da 400 trulli. Il percorso prosegue verso la splendida città di Lecce dove abbiamo visitato il centro storico che per il suo valore culturale e artistico è chiamata la Firenze del Sud. Di passaggio abbiamo avuto modo di vedere Ostuni, conosciuta come la città bianca per la caratteristica del colore delle sue case.
Altra tappa è stata Gallipoli, bella cittadina sul mare, a cui ha fatto seguito, il giorno successivo, la visita al paese di San Ferdinando di Puglia, di cui il nostro Parroco, Padre Quintino, è stato Padre Spirituale per 11 anni. Mi sembra opportuno soffermarmi sull’accoglienza affettuosa e fraterna che è stata riservata a Padre Quintino e di riflesso a tutto il gruppo. Ben visibile era la commozione del nostro Sacerdote che non è riuscito a trattenere le lacrime, trascinando nella stessa emozione molti di noi. Significativa è stata la presenza di molti emigrati, rientrati per l’occasione per rendere omaggio e riabbracciare il loro, ieri, ed oggi nostro Parroco. Alla celebrazione della Santa Messa è seguito un festoso banchetto organizzato dalla comunità di San Ferdinando accompagnato da canti e balli popolari.
Il nostro percorso ci conduce alla meta della spiritualità per eccellenza in territorio pugliese, ovvero la visita alla città di San Giovanni Rotondo in cui visse e morì il grande santo Padre Pio, con visita alla Cattedrale in cui abbiamo avuto modo di assistere alla Messa concelebrata da Padre Quintino, e alla Via Crucis animata dal nostro gruppo.
Il luogo di culto ci ha permesso di sperimentare un senso di pienezza e serenità determinato dall’incisiva presenza, seppur spirituale, del Santo.
Il nostro viaggio si è concluso con la visita alla cittadina di Pietrelcina, in particolare alla casa natale e ai luoghi frequentati da Padre Pio.
Meritano particolare attenzione dal punto di vista organizzativo, sia la collocazione negli hotel, tutti prestigiosi e confortevoli, che l’aspetto gastronomico – culinario, dal sapore mediterraneo, caratterizzato dalle famose orecchiette pugliesi, che abbiamo avuto modo di gustare in svariati modi.
Per una settimana abbiamo avuto il piacere di condividere dei momenti con altre persone, rafforzando amicizie già esistenti e creandone di nuove.
Grazie Padre Quintino per il suo impegno e la sua solerzia nell’organizzazione di questo splendido viaggio, curando il tutto nei minimi dettagli, senza lasciare nulla al caso. La promuovo come eccellente guida turistica.

Tonino Lai

Questa voce è stata pubblicata in Chiesa, Vita paesana. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento