Pozzomaggiore meta di pellegrinaggi e devozione

Il 15 giugno 2019, la Chiesa di Sardegna ha vissuto un’altra indimenticabile pagina della sua storia. Il nome della Ven. Edvige Carboni veniva inserito nel catalogo dei beati e dei santi della Chiesa Cattolica L’ottavo Beato in 36 anni. La celebrazione è stata storica soprattutto per la nostra diocesi di Alghero-Bosa che, nei suoi oltre cinquecento anni di storia, vede salire agli onori degli altari una sua figlia. Le quasi 6000 persone presenti alla cerimonia hanno mostrato l’ammirazione per la santità di costumi di Edvige, lievito vivo e sale del Vangelo. La sua fama di santità è sempre più in espansione.
Dovendo trarre le somme di un intero anno trascorso da quel 15 giugno, si deve affermare che esso è stato positivo e ricco di iniziative, come la benedizione della bandiera religiosa in onore di Edvige, impartita dal cardinale Angelo Becciu. Il giorno dopo, domenica 16 giugno, con grande partecipazione di popolo, Padre Mauro Maria Morfino, nonostante la sua convalescenza, era nuovamente a Pozzomaggiore per la S. Messa di ringraziamento. La traslazione del corpo della Beata a Pozzomaggiore ha coinvolto e richiamato ulteriormente i fedeli alle varie celebrazioni e agli spazi di preghiera, singola o collettiva. Il clima di festa è perdurato vivo per tutto l’autunno. Da tutte le parti della Sardegna, sin dal mattino presto fino a sera si arrivava a Pozzomaggiore per rendere omaggio alle spoglie della Beata. Il 14 di luglio, giorno in cui si è ricordata la stimmatizzazione di Edvige, è stato ancora presente il nostro vescovo. Giovedì 27 giugno Radio Maria ha trasmesso un programma tenuto da Mons. Pietro Brazzale di Padova completamente dedicato alla nuova Beata. (altro…)

Continua...

Edvige testimone credibile del Vangelo

L’epidemia virale del Covid19 è riuscita a svuotare materialmente e fisicamente di fedeli le nostre chiese, ma la venerazione per la Beata Edvige Carboni è ugualmente riuscita a riempirle spiritualmente, tanto è l’affetto e la stima per questa donna, credibile testimone del Vangelo, icona della Passione di Cristo e vera gemma di santità.
Lunedì 4 maggio, padre Mauro Maria Morfino, ha voluto essere presente a Pozzomaggiore per celebrare la prima, storica memoria liturgica della Beata Edvige, che vi ebbe i natali nel 1880 e le cui spoglie mortali riposano nella chiesa parrocchiale dedicata a San Giorgio m. Pur se il covid19 ha mandato all’aria i progetti che il Movimento parrocchiale organizzava per rendere a tutti la data fruibile da ogni punto di vista, l’aspetto religioso non è stato per nulla trascurato. La parrocchiale era addobbata a festa e l’urna contenente le spoglie della Beata sistemata nel presbiterio tra lumi e fiori. Una novena trasmessa in diretta tramite la radio della parrocchia e la S. Messa celebrata dal parroco p. Antonio Annecchino dalla pagina parrocchiale di Facebook hanno raggiunto e preparato i devoti della Beata ad accogliere in festa la giornata del 4 maggio, giorno del battesimo di Edvige e giorno della memoria liturgica fissata dalla Congregazione del Culto divino e la disciplina dei sacramenti. (altro…)

Continua...

La Sardegna nuovamente in festa per Edvige Carboni

Il 4 maggio ricorre la prima commemorazione liturgica per la nostra Beata

edvige carboniIn tutte le diocesi della Sardegna, ed in particolare nella nostra diocesi di Alghero Bosa, lunedì 4 Maggio si celebra la prima commemorazione liturgica della Beata Edvige Carboni, nata a Pozzomaggiore il 2 maggio 1880 e morta a Roma il 17 febbraio 1952. Edvige è l’ultima figlia della Sardegna che, in ordine di tempo, è salita agli onori degli altari lo scorso 15 giugno 2019. Donna pienamente evangelica, Terziaria francescana, consorella della Passione e cooperatrice della famiglia salesiana, catechista nella sua parrocchia natale, Edvige è la mistica della Sardegna, stimmatizzata, vera effigie del Crocifisso, anima riparatrice e di una generosità sconfinata per i poveri e i bisognosi. La cerimonia di beatificazione si tenne nel suo paese natale alla presenza di circa 6000 persone e fu presieduta dal cardinale Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei santi e Delegato di Papa Francesco.
In genere la data della commemorazione di un santo o beato si tiene nel suo dies natalis, vale a dire il giorno del suo ritorno a Dio, ma per Edvige si è scelta la data del 4 di Maggio che segna il suo ingresso nella comunità dei credenti e l’inizio del suo cammino verso la santità con l’amministrazione del santo battesimo. (altro…)

Continua...

Una nuova edizione del diario spirituale di Edvige

diario spirituale di edvige carboniSollecitato dalle incessanti richieste degli ammiratori della santità di vita e delle virtù di Edvige Carboni, Ernesto Madau ha dato alle stampe una nuova edizione del diario spirituale della Beata.
Si tratta della raccolta di una serie di appunti e riflessioni riportati su quaderni, scritti a partire del 1941, quando si trovava già nel Lazio, e nei quali sono annotate le esperienze mistiche che Edvige viveva come un dono. Non un diario come lo si intende comunemente, quindi, dove chi scrive parla a se stesso, quanto piuttosto un gesto di obbedienza verso il suo primo confessore in terra romana, utile per la direzione spirituale di quell’anima santa; consuetudine che si è poi mantenuta anche con gli altri sacerdoti che nel tempo si sono alternati nella direzione.
«Nel suo cosiddetto Diario – scrive il curatore nella prefazione – Edvige rivela esattamente ciò che vede e sente il dovere di dire o rivelare al suo direttore spirituale, senza ombre di equivoci o imprecisioni. […] Le parole usate dalla Carboni, pur se comuni e prive di rigore teologico, assumono tuttavia un sapore ultraterreno ed il valore di un insegnamento che arriva direttamente da Dio, che vuole servirsi della sua povera persona». (altro…)

Continua...