La strada per Bosa si farà: il mare è sempre più vicino

Si sta cementando velocemente la possibilità, fino a ieri solo sulla carta, di vedere realizzata la strada S.S.131-Bosa.

Promossa dall’Amministrazione Comunale di Pozzomaggiore e dagli altri amministratori del Mejlogu, il giorno 12 gennaio nella sala consiliare si sono ritrovati la Dr.ssa Alessandra Giudici, presidente della provincia di Sassari, l’On. Pasquale Onida, presidente di quella di Oristano, Giovanni Serra, assessore provinciale alla viabilità, il consigliere provinciale Dr. Antonio Tanca, il rag. Giuseppe Bitti, presidente della C.M. n. 5 del Logudoro, il geom. Giacomino Sale, presidente del Comitato promotore, i sindaci dei Comuni di Mara, Padria, Semestene, Cossoine, Torralba, Thiesi, Cheremule, Borutta, Giave e Bosa.
In apertura dei lavori il Sindaco Pischedda comunica e giustifica l’assenza dal tavolo dei lavori dell’Assessore regionale On. Carlo Mannoni, dell’On. Francesco Carboni e dell’On. Nicola Rassu; fa un breve escursus sulle vicende che hanno visto da sempre impegnati tutti e insieme gli amministratori del Mejlogu e del Comune di Bosa per favorire la realizzazione della strada in un tracciato alternativo a quello esistente.
L’argomento è più che mai attuale in particolare perché si ritiene che la nuova strada, in un più rapido, snello e certamente sicuro collegamento, sia un elemento ricostituente se non medicina unica per la fragile economia dei due territori, separati in casa a causa della precarietà delle vie di comunicazione. Purtroppo bisogna prendere atto che la fuga dalle campagne, la crisi del settore zootecnico, la liberazione dei mercati commerciali, la presenza preponderante di nuove potenze economiche che si insinuano negativamente nella bilancia dei pagamenti, l’euro che non paga e altre forme non perfettamente allineate di politica economica, sicuramente sbagliate, portano a cercare urgenti soluzioni che non siano solo tampone ma che ossigenino ai massimi livelli la nostra economia creando nuovi stimoli, favorendo nuove iniziative imprenditoriali mirate a dare alla luce quel turismo sostenibile che, sapientemente gestito, vada ad interpolare l’economia propria di ogni singolo comune della Planargia e del Mejlogu.
La nuova strada consentirebbe alla nostra zona di non essere considerata “interna”, ma territorio dove il sistema turistico locale, sapientemente integrato, possa trovare zolle preparate e ben concimate per dare frutti buoni ed abbondanti.
E’ auspicabile un lavoro sinergico fra le varie amministrazioni comunali e le due province che portino in tempi brevi alla realizzazione della strada. Il turista che viene in Sardegna per godere del nostro incantevole mare, turista “balneare” che diventa turista “montano”.
E allora ecco l’albergo diffuso, la ricettività complementare e sostitutiva di quella alberghiera ma ugualmente esaustiva, per una ospitalità cercata dal turista mordi e fuggi per la allettante offerta in termini economici.
Il presidente della provincia di Sassari, nel suo intervento ha affermato di credere molto nella fattibilità dell’opera e si dichiara disponibile ad impartire le opportune disposizioni perché l’ufficio tecnico provinciale elabori il progetto definitivo della strada, condizione indispensabile per poter accedere ai necessari finanziamenti e concorda su quanto affermato dal Sindaco di Pozzomaggiore circa i benefici che ne deriverebbero per i due territori uniti insieme negli interessi, grazie anche al valore aggiunto che offre la costa bosana.
Il presidente della provincia di Oristano, On. Onida, ha ricordato che tempo addietro è stato interessato dagli amministratori di Pozzomaggiore perché interponesse i suoi buoni uffici presso l’Assessorato ai LL.PP. per fare inserire la strada nel piano di fattibilità.
Sono seguiti gli interventi dei sindaci dei Comuni di Mara, Cossoine, Torralba, Thiesi, Giave e Bosa, dell’ex consigliere provinciale Pietro Biosa, del presidente della C.M. n. 5, del consigliere provinciale Dr. Tanca e dell’Assessore provinciale Giovanni Serra.
Alla chiusura dei lavori il Sindaco di Pozzomaggiore ha invitato a lavorare con tenacia perché si arrivi in tempi brevi per ottenere i finanziamenti necessari. E ha chiuso dichiarando che nulla è difficile volendo.

Il Sindaco di Pozzomaggiore
Tonino Pischedda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.