Nell’intimo cerchiamo il TUO aiuto Santa Madre di Dio

La festività della madonna della Salute

Il trascorso mese di Settembre è stato contrassegnato da una grande adesione e Intensa religiosità verso Maria Santissima Madonna della Salute che a visto partecipe gran parte della cittadinanza di Pozzomaggiore, con la recita giornaliera del Santo Rosario (seguito dalla S. Messa!) visto come preghiera di questi tempi e, non più, come orazione confinata al passato e da ricordare con malinconia; questo a conferma di quanta devozione sia presente nella popolazione che, seppur formata da svariati strati sociali, mostra allo sguardo del visitatore un accomunarsi allo stesso intento, quale è tale grande venerazione verso la Madre di Dio, difficile da uguagliare nel mondo di oggi così fatuo e dispersivo.
Nonostante le apparenze, spesso negative, anche le giovani generazioni la invocano come si invoca una mamma (ben sapendo che una madre dà tutta se stessa per il bene dei propri figli), nei momenti significativi, difficili o importanti della loro esistenza, nella viva speranza di essere ascoltati ed esauditi, incoraggiati e spronati, scoprendo, ogni volta, di non aver sperato invano.
I giovani, così incerti all’inizio del cammino della vita già irto di ostacoli da superare, ogni giorno, al fianco del Cristo, domandano a Lei conforto e protezione. Del resto, la meditazione e la contemplazione, con la recita del S. Rosario, ci aiutano a ripercorrere i molteplici gradini del mandato di Gesù, facendoci rivivere i periodi salienti della storia della salvezza proprio con Maria, con la quale indirizziamo il nostro cuore verso le verità soprannaturali del Nazareno.
Ella mette Cristo al centro della nostra vita e del nostro tempo; mediante la meditazione e la recita dei misteri della gioia, della luce, del dolore e della gloria, Maria cerca di infondere in noi la grazia che da quei misteri promana affinché tutta la comunità ne sia permeata divenendo così con il suo aiuto, capace di estromettere le tante forze negative che cercano di impedirle di aprirsi ai disegni del Padre.
Veramente coinvolgente ed appassionante è stato il festoso ritrovarsi nel giorno della Festa il 29 settembre!
A chiusura del mese di preghiere svoltosi nella Chiesetta del “Convento” (dedicata a S. Antonio Abate ma, di fatto, vi regna Maria Madonna della Salute anche a livello iconografico!) che non poteva contenere le centinaia di fedeli giunti da diverse località sia limitrofe che assai distanti e tra i quali si contraddistinguevano le Confraternite che si sono volute unire ai Pozzomaggioresi nella lode alla Vergine Santa, si è concelebrata la S. Messa di Ringraziamento dall’altare allestito nella piazza antistante.
Dopo la S. Messa la solenne processione con il venerato simulacro della Vergine della Salute che, percorrendo diverse vie del paese, ha portato il caldo e dolce abbraccio della Mamma ai figli che, non potevano essere presenti per malattie o altri problemi e l’attendevano con trepidazione, gioia e speranza nelle loro case illuminate ed abbellite di fiori.
A chiusura delle manifestazioni religiose, come ultimo, riverente e festoso saluto con un commosso “arrivederci al prossimo anno” (!), la Madonna è stata onorata con un grande spettacolo pirotecnico.
Infine, nella tarda serata, gli obrieri (il Coro Sardo di Pozzomaggiore) hanno offerto a tutti i presenti un’abbondante e squisita degustazione di prodotti locali che, oltre alla prelibatezza, avevano “la bellezza” di essere stati preparati da alcune mogli degli stessi obrieri, nelle loro case, in armonia tra loro, con la fatica e l’impegno offerti di cuore alla Mamma.
Grazie, Maria, anche questo un tuo miracolo!

Pina CERVO, Paolina SPANU, Rosa CUCCURU, Caterina CASULE, Bastiana CABULA PINNA e Mariella FANCELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.