Ancora sui colleghi del comune scomparsi

La mancanza di spazio nel precedente numero non ha consentito l?elencazione completa dei colleghi del Comune scomparsi più e meno recentemente; lo facciamo adesso ricordando: Pietruccia Piredda, Peppino Unali, Farore Pinna, Peppino Sanna, Stefano Sanna Cavanna, Domenico Marini.

Pietruccia Piredda: nata il 26.09.1921 e deceduta il 02.02.1988 quando solo da poco era in pensione. Era addetta al servizio del riordino di tutti gli stabili comunali. La ricordiamo per le attenzioni e disponibilità per noi colleghi, attaccamento al lavoro, estrema gentilezza.
Peppino Unali: nato il 18.03.1906 e deceduto il 26.12.1978, impiegato dell’ufficio del dazio, quando tale servizio era comunale, passato alla società Trezza in seguito al trasferimento della competenza. Puntuale e preciso nel lavoro, vero e sincero amico.
Farore Pinna: nato il 20.06.1899 e deceduto il 04.10.1981. Ha prestato, spontaneamente e volontariamente la propria opera nei vari servizi comunali, pur non essendo in ruolo. Curava i rapporti dei cittadini con l’ECA. Fu assessore comunale.
Peppino Sanna: nato il 12.12.1896 e deceduto il 07.04.1975. Custode del carcere mandamentale quando Pozzomaggiore era sede di tale importante struttura.
Foricu Solinas: nato il 30.11.1893 e deceduto il 16.04.1984. Padre del giudice Tonino, recentemente scomparso. Non di ruolo, curava in particolare la contabilità dei cantieri comunali ed aveva conoscenza di quasi tutti i servizi comunali.
Stefano Sanna Cavanna: nato nel 1897, veterinario condotto e direttore del mattatoio comunale è deceduto nella penisola quando era già in pensione.
Domenico Marini era del 1945, vigile urbano per qualche anno, lasciò il lavoro per emigrare all’estero, dov’è morto.

Tonino Pischedda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.