Incoronazione della Madonna: successo della fede

Sono le ore 18 di giovedì 28 settembre ed ho l’impegno, con il Coro, di cantare la Messa in onore della Madonna.
Arrivato in piazza Convento, non credo a quel che vedo, rimango bloccato per un attimo e ammiro la coreografia creata per l’avvenimento. Inizia la Messa e guardo la gente sofferente raccolta in preghiera: una sensazione che non ho mai provato e che difficilmente dimenticherò.

La presenza straordinaria del Vescovo, dei sacerdoti, della Confraternita, dei Carabinieri in alta uniforme. La presenza del silenzio e dell’ordine, sino all’atto commovente dell’incoronazione seguita dall’invocazione poetica di Antonio Maria Pinna.
Che dire poi dell’indomani 29 alla processione: la presenza delle confraternite di Padria, Bonorva, del Gremio di Sassari, della banda musicale, con la fiaccolata che arricchiva la stessa processione.
Passando per le vie mi sono accorto della grande devozione dei cittadini che con occhi lucidi facevano il segno della croce e invocavano qualche grazia alla Madonna.
E poi tappeti, fiori, piante, come addobbo al passaggio della Madonna, sino ad arrivare alla sua dimora accolta dai fuochi d’artificio che illuminavano la chiesa suscitando un’emozione grandissima.
Come cittadino ringrazio gli obrieri per la riuscita della festa ma soprattutto padre Quintino, padre Coraggio, che dimostra con i fatti le sue capacità di coinvolgere centinaia di persone ad ogni avvenimento; ed è bene, a questo punto, che ognuno di noi stia al proprio posto.

Tore Spanu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.