Il “mare nostrum” … sarà più vicino?

Raggiungere agevolmente, le chiare, fresche e dolci acque di quel di Bosa e dintorni in poco meno di 15 minuti.
Il sogno, chiuso nel cassetto da tanto tempo, una chimera che i nostri politici, che hanno seduto gli scranni dello Sciuti, e i vari sindaci che si sono succeduti nell’amministrare la cosa pubblica, stanno cercando di far diventare realtà.

Circa 10 milioni di Euro e voilà, i giochi sono fatti, la strada è di collegamento fra la S.S.131 e Bosa è fatta.
E poiché non abbiamo la lampada di Aladino cercheremo di farcela in casa. E’ più o meno questo il senso dei numerosi interventi che si sono succeduti nel corso di una affollata assemblea tenutasi recentemente nella biblioteca comunale di Pozzomaggiore, presieduta dal Sindaco Sandro Fara, fortemente voluta da un Comitato spontaneo portavoce per l’occasione Mariano Cazzari, organismo nato con lo scopo di supportare l’azione politica, presenti molti politici locali, fra i quali il deputato regionale On. Nicola Rassu, che ritiene indispensabile agire compatti. Il sindaco Fara, che ha parlato a nome del coordinamento dei cinque sindaci del Mejlogu, che da anni stanno portando avanti questa battaglia, ha illustrato il documento, frutto dell’ultimo incontro con l’Assessore ai trasporti Tore Amadu, dal quale è emersa la necessità di un ulteriore coinvolgimento degli altri due assessorati regionali (Programmazione e LL.PP) e il riconoscimento, con un emendamento dell’Assessore Amadu al piano regionale dei trasporti, della valenza strategica della strada. Ha voluto inoltre mettere in evidenza l’importanza socio economica e culturale e il ritorno che in generale potrebbe derivarne dalla costruzione della strada per le popolazioni interessate (Planargia e Mejlogu).
I consiglieri provinciali Pietro Biosa e Pier Mario Manca hanno confermato il loro impegno politico significando la necessità di programmare e pianificare gli interventi a tutti i livelli, considerando anche l’opportunità di ottenere finanziamenti a livello regionale e con i P.I.T., possibilità rappresentata peraltro nell’intervento del Sindaco di Mara Angelo Sanna, che ha osservato come la mancanza di un progetto preliminare impedisca, di fatto, o quanto meno rallenti, il farraginoso iter già di per se lento.
Il Sindaco di Cossoine Antonella Sotgiu ha ricordato l’impegno assunto dall’Assessore ai trasporti Tore Amadu in un recente incontro con i sindaci del Mejlogu e quello di Bosa Brigas, rappresentato nella riunione di Pozzomaggiore dall’Assessore Oggianu, il quale ha ribadito la necessità di camminare insieme.
Sono state quindi proiettate le immagini dell’ipotizzato tracciato della strada, per ora solo pensato, dall’intersecazione della S.S.131 sino a Bosa.
Credo che ormai ci siamo procurati le chiavi per aprire i cancelli verso la strada del mare.

Tonino Pischedda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *