La festa a Santa Maria

Per i pozzomaggioresi il giorno otto settembre 2006 deve essere ricordato come grande evento perché, grazie all’iniziativa di P. Quintino e un gruppo di Mario e Maria, ci è stata donata la gioia di rivivere comunitariamente la festa delle Grazie, festa che nel cuore dei nostri anziani è rimasta sempre viva nonostante da parecchio tempo “dimenticata”.

Grande è stata l’emozione di trovare esposta al nostro arrivo la statua di “Nostra Signora de S.Maria” che rivolta verso i fedeli devoti sembrava volesse impartirci chissà quali e quante raccomandazioni. E chissà quante grazie sono state a Lei chieste in quei momenti di grande silenzio e raccoglimento.
Momenti che mi hanno fatto tornare indietro nel tempo quando da bambina ascoltavo estasiata e allo stesso tempo turbata, dalla voce dei miei avi, tutti i prodigi attribuiti alla Madonnina di S.Maria.
Immenso piacere traspariva dal volto di P.Quintino quando, al momento della celebrazione, si è trovato innanzi un folto gruppo di persone che, contrariamente ad altre volte, era ben rappresentato dalla presenza maschile.
Era palpabile l’emozione tra tutti i presenti quando la statua della Vergine è stata portata in processione nelle vie adiacenti al santuario dove era stato predisposto degno percorso per il passaggio della Madonna.
Grazie P.Quintino per questa nuova giornata di preghiera che ci hai fatto vivere davanti alla nostra Madre Celeste.
Grazie a tutto il gruppo dei Mario e Maria che con sacrificio hanno organizzato il rinfresco che ha permesso ai presenti di trascorrere una piacevolissima serata.
Grazie ancora alla Madonna delle Grazie che ci ha consentito di prendere parte alla solenne celebrazione e alla Quale chiediamo di concederci la gioia di vivere questo evento per tanti e tanti anni ancora.

Una devota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.