E finalmente il campanile ha il suo orologio

Si avvertiva da tempo in paese un desiderio, nascosto e a volte anche manifesto, di poter rivedere sul campanile l’orologio che da tanto tempo ormai si era fermato e che quindi non poteva più scandire le ore della giornata che ognuno di noi vive tra le varie occupazioni e lavori.
Finalmente… finalmente possiamo adesso volgere lo sguardo in alto e vedere le lancette dell’orologio che inesorabilmente segnano il tempo che passa!

E finalmente possiamo risentire il suono delle campane come la tradizione ci ha tramandato con l’Ave Maria del mattino, mezzogiorno e sera, il suono della messa, il suono di allegria… oltre naturalmente al rintocco delle ore.
Sì, il desiderio di tantissimi (credo) è diventato realtà e tutti potete constatarlo di persona.
E’ stato un lavoro alquanto impegnativo e che ha richiesto uno sforzo finanziario non indifferente (28 milioni) poiché è stato richiesto l’impianto completamente nuovo sia per l’orologio che per il suono delle campane.
Il tutto è composto da:
– un orologio programmatore elettronico a microprocessore, dotato di batteria interna con autonomia per circa 8 ore, con trasmissione dei comandi in maniera codificata.
– 3 elettropercussori per il suono delle ore e tocchi delle campane, capace di raggiungere fino a 10 rintocchi al secondo.
– un quadro di telecomando.
– 3 alimentatori di corrente continua con impulso di funzionamento temporizzato elettronicamente.
– un impianto di illuminazione notturna dei quadranti.
– 4 quadranti in plexiglas opalino di mm. 8 di spessore, con relative lancette in lega leggera e i numeri romani per segnare le ore.
– 4 servomeccanismi per l’avanzamento ad impulso delle lancette dei quadranti.
L’opera è stata realizzata dalla ditta OTC di Cagliari con materiale dell’officina Scarselli di Firenze.
I 28 milioni richiesti sono soldi che voi stessi avete dato alla Parrocchia nelle varie circostanze e che io ho usato per tale realizzazione, sperando che il tutto sia di gradimento alla cittadinanza. Grazie.

P. Quintino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.