Sante Cresime 2019

colomba bernini

Con grande gioia la comunità di san Giorgio martire ha accolto, il 20 ottobre scorso, 17 ragazzi nel giorno della loro Cresima.
Intorno all’altare con il Vescovo, padre Antonio e don Giampiero, i padrini e i genitori, è stato invocato su di loro lo Spirito Santo portatore dei sette santi doni, mediante i quali saranno testimoni dell’amore di Dio nella loro vita.
Auguriamo loro di cuore di essere sempre discepoli di Gesù per annunciare il Vangelo, ricchi di onestà, rispetto per il prossimo e portatori di carità per tutti. (altro…)

Continua...

Inaugurata la cappella della Beata Edvige

urna edvige carboni

In questo 2019 sono state davvero storiche le date del 25 maggio e del 15 giugno per la nostra diocesi di Alghero-Bosa e, segnatamente, per la comunità parrocchiale di Pozzomaggiore. La traslazione delle spoglie mortali di Edvige Carboni nel suo paese natale e la successiva cerimonia di Beatificazione, hanno profondamente toccato il cuore di migliaia e migliaia di fedeli che hanno sempre stimato la santità di vita della stimmatizzata sarda. (altro…)

Continua...

Edvige è Beata! In 5000 per renderle omaggio

Beatificazione Edvige Carboni

Oltre cinquemila pellegrini, provenienti da tutta la Sardegna e non solo, hanno partecipato alla Solenne Celebrazione eucaristica durante la quale la Venerabile Edvige Carboni è stata proclamata Beata lo scorso 15 Giugno. Sin dalle prime ore del mattino l’Ippodromo di Pozzomaggiore, vestito a festa per il grande evento, ha accolto serenamente i fedeli grazie al grande lavoro dei volontari, delle forze dell’ordine e dei tanti operatori delle Misericordie d’Italia. Un apparato sinergico, coordinato dal Comitato Organizzatore e dall’Amministrazione comunale di Pozzomaggiore, che ha saputo far fronte alle tante richieste pervenute alla Segreteria Generale negli ultimi mesi. (altro…)

Continua...

Messaggio del Vescovo Mauro Maria alla comunità parrocchiale

mauro maria morfinoAi Presbiteri, ai Diaconi, alle Famiglie religiose, al Popolo santo di Dio,
con larghezza di cuore davanti al grande dono del ministero ricevuto confesso anche la grande fragilità della mia esistenza. Anche adesso la Parola illumina questo momento dove il dolore è fecondo, ed insieme ad altri fratelli, mi chiama ad identificarmi più da vicino al mistero del Signore Gesù che è crocifisso, morto e risorto. Tutti siamo chiamati a gustare della presenza del Signore e nel dolore facciamo esperienza dell’irruzione della salvezza, della compassione e dell’amore gratuito di Dio nella nostra vita. Ho sentito la vicinanza di ciascuno e ho toccato con mano che quando un membro soffre, soffre tutto il Corpo.
Nel dolore e nella malattia nessuno si improvvisa, tutto è molto più facile quando stiamo bene, ma quando sono altri a dover mettere mano al nostro corpo, alla nostra vita ci troviamo al bivio: o la fede o la disperazione! Questo è il tempo per me di abbandonarmi nelle mani del Signore, e sono ancora vivo solo per amore di Dio che è da sempre e per sempre mi tiene nel palmo della sua mano. (altro…)

Continua...